Sei un corridore? ecco 5 terapie naturali per te

Non esiste un rimedio rapido che funzioni per tutti. Ogni runner deve scoprire quale metodo sia il più efficace per il suo fisico e nei diversi infortuni (per dolori gravi o persistenti, bisogna sempre rivolgersi a un medico specialista). Ecco cinque terapie naturali che potresti prendere in considerazione in caso di disturbi o infortuni.

1. Agopuntura

LA PROMESSA Questa antica pratica cinese prevede l’inserimento di aghi sottili in zone specifiche del corpo per migliorare la circolazione, ristabilire l’energia e stimolare la guarigione.

LA SCIENZA Le ricerche sono discordanti, a causa della difficoltà di creare un effetto placebo con gli aghi. Ma hanno dimostrato che l’agopuntura stimola le endorfine, sostanze analgesiche naturali del corpo, e aumenta anche l’escursione articolare.

CHI DOVREBBE PROVARLA Nel ’96, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato un rapporto sull’efficacia dell’agopuntura, riconoscendone i benefici per chi è affetto da dolori alle ginocchia e alla parte bassa della schiena, da fascite plantare, slogature e osteoartrite.

2. Massaggio sportivo

LA PROMESSA I massaggi facilitano l’allontanamento dei prodotti di rifiuto e dilatano i vasi sanguigni in modo da far fluire più velocemente l’ossigeno e le sostanze nutritive per una rapida guarigione. Poiché il massaggio scioglie i muscoli, allevia la tensione e rimuove le aderenze, può anche migliorare la flessibilità e prevenire gli infortuni.

LA SCIENZA Le ricerche dimostrano che il massaggio attenua la stanchezza, il gonfiore e ha un effetto rilassante. Ma nonostante le evidenze fornite dalle esperienze di diversi atleti come Jurek (che definisce il suo massaggio settimanale un vero toccasana), gli studi su questa pratica quale possibile rimedio contro gli infortuni sono ancora piuttosto limitati.

CHI DOVREBBE PROVARLO Il massaggio sportivo è particolarmente efficace per chi corre 50 chilometri o più durante la settimana. Maggiore è il tuo chilometraggio, maggiore sarà lo stress sopportato dal tuo fisico, alleviabile grazie a un massaggio. Un trattamento eseguito entro 24 ore da un allenamento intenso è in grado di rilassare i muscoli e di accelerarne il recupero.

3. Visualizzazione mentale

LA PROMESSA Visualizzando una scena positiva, rilassi la mente e il corpo. Quando la mente è rilassata, i muscoli allentano le tensioni, il che significa che le probabilità di avvertire il dolore diminuiscono. Le immagini mentali possono anche aiutarti a guarire riducendo lo stress che, aumentando il livello di cortisolo, può rallentare la guarigione da un infortunio.

LA SCIENZA Le ricerche pubblicate sul Journal of Sports Sciences indicano che quando gli atleti infortunati immaginano di essere sani o di sconfiggere il dolore, si ristabiliscono più rapidamente. Un altro studio dimostra che il pensare positivo può accelerare la guarigione delle vesciche.

CHI DOVREBBE PROVARLA Alcuni studiosi hanno domandato ai partecipanti ai loro esperimenti d’immaginare ossa rotte che si incollavano, fibre muscolari lacerate che si ricostituivano o cellule che si rigeneravano. La visualizzazione può anche aiutarti ad affrontare dei momenti di difficoltà, come ad esempio quello provocato dalla fatica nei chilometri finali di una gara. Immagina che il dolore abbandoni il tuo corpo o prova a pensarti mentre tagli il traguardo sorridente.

4. Rimedi erboristici

LA PROMESSA I sostenitori delle terapie erboristiche ritengono che le sostanze fitochimiche presenti nei preparati di origine vegetale aumentino la capacità del corpo di guarire, invece di mascherare soltanto i sintomi, e possano curare i muscoli e alleviare il dolore e il gonfiore.

LA SCIENZA I preparati erboristici non sono sottoposti ai test rigorosi della medicina tradizionale, ma l’analisi di alcuni studi del 2007 ha concluso che i rimedi erboristici a base di artiglio del diavolo e corteccia di salice bianco possono aiutare a ridurre i dolori alla schiena. Ed è stato dimostrato che i rimedi usati da Jurek, arnica e bromelina, riducono il gonfiore. Anche l’aglio, lo zenzero e il peperone rosso sono noti per le loro virtù antinfiammatorie

CHI DOVREBBE PROVARLI Le erbe che possiedono proprietà antinfiammatorie possono curare la fascite plantare, i dolori alle ginocchia e alla schiena, le distorsioni e la rigidità muscolare. Aggiungere queste spezie ai tuoi piatti è il modo migliore e più sicuro per iniziare. Consulta comunque il tuo medico prima di assumere qualsiasi tipo di integratore “naturale”.

5. Chiropratica e Ostepatia

LA PROMESSA Tradizionalmente la chiropratica si concentra sulla spina dorsale per correggere i vizi posturali, ma attualmente una nuova generazione di chiropratici sportivi analizza la biomeccanica e corregge le aree squilibrate in tutto il corpo. L’osteopatia promette di curare diverse patologie, tra cui quelle osteoarticolari, con un approccio terapeutico globale che utilizza una serie di tecniche manuali che si basano sul principio dell’autoregolazione.

LA SCIENZA Nel 1997 l’American Medical Association ha pubblicato un rapporto in cui dichiarava che la chiropratica presentava un buon grado di efficacia nel miglioramento dei dolori alla schiena, dell’emicrania e dei problemi muscoloscheletrici simili. Inoltre, è dimostrato che questa tecnica può migliorare le prestazioni atletiche. Uno studio ha confrontato due gruppi di atleti, sottoponendone soltanto uno a trattamenti chiropratici. Dopo 12 settimane, il gruppo trattato si è dimostrato più veloce del 30% del gruppo di controllo. Ancor di più, l’osteopatia può vantare tutta una serie di studi che comprovano la sua utilità negli atleti per la prevenzione degli infortuni e il miglioramento della prestazione.

CHI DOVREBBE PROVARLE I runners maggiormente soggetti agli infortuni potrebbero essere i maggiori beneficiari di entrambe le tecniche terapeutiche. Le deviazioni della colonna e gli squilibri muscolari (chiropratica e osteopatia), così come l’alterazione della mobilità articolare e i problemi viscerali (solo osteopatia), possono provocare rigidità e debolezza, impedendoti di ristabilirti completamente da un infortunio e facilitando le ricadute.

Fonte: www.runnersworld.it

Leave a comment