Roncopatie e apnea ostruttiva del sonno

Il fenomeno del “russare” è la vibrazione delle strutture respiratorie della gola ed è il suono risultante dal passaggio dell’aria inspirata ed espirata (movimenti respiratori) durante il sonno.
In alcuni casi il suono può essere morbido, ma in altri casi, può essere forte e sgradevole. Russare durante il sonno può essere un segno, o il primo allarme, di apnea ostruttiva.
Generalmente le strutture coinvolte sono l’ugola e il palato molle, le pliche pterigo palatine anteriore e posteriore e la lingua. Il flusso d’aria irregolare è causato da un blocco del passaggio ed è solitamente dovuto uno dei seguenti motivi:
– rilassamento dei muscoli della gola, con conseguente diminuzione dello spazio necessario al passaggio dell’aria
– mal posizione della mandibola, spesso causata dal rilassamento dei muscoli di sostegno
– grasso raccolto all’interno ed intorno alla gola
– ostruzione al passaggio nasale dell’aria
– apnea ostruttiva del sonno
– i tessuti della parte superiore delle vie aeree (palato molle e parete postero superiore della faringe) rimangono in contatto e causano vibrazioni
– rilassamento di tutti questi tessuti causati da alcool o droghe
– dormire sulla schiena (può provocare che la lingua cada indietro ed in basso)

Russare è conosciuto solamente come causa di privazione del sonno alle persone che stanno vicino a colui che russa. Anche se il russare è spesso considerato una minore afflizione, coloro che russano possono soffrire a volte di grave compromissione dello stile di vita. La sperimentazione ha scoperto, dopo che esso è stato corretto, un miglioramento statisticamente significativo nei rapporti coniugali.

L’apnea ostruttiva del sonno (in inglese OSA, Obstructive Sleep Apnea) è una conseguenza delle cause elencate.
I sintomi della apnea ostruttiva del sonno sono:
– russamento con pause nella respirazione
– eccessiva sonnolenza diurna
– ansimare e senso di soffocamento durante il sonno
– sonno inquieto
– problemi delle funzioni mentali
– scarsa capacità di giudizio e/o incapacità di concentrazione
– perdita di memoria
– irritabilità frequente (frequente all’ira)
– aumento della pressione sanguigna
– dolore toracico notturno
– depressione
– problemi con eccesso di peso
– affollamento delle vie respiratorie
– cefalee mattutine
– riduzione della libido
– frequenti episodi di minzione notturna (andare in bagno molte volte nella notte)

Sorge la domanda: “La apnea ostruttiva del sonno è una cosa seria?”
La risposta è SI.
Infatti:
– la apnea ostruttiva del sonno (OSA) è un potenziale pericolo di vita
– il 50% degli adulti con ipertensione e malattie di cuore soffre anche di OSA
– il 77% degli uomini ed il 64% delle donne che hanno avuto un ictus soffrivano anche di OSA
– questa malattia è responsabile di 30.000 casi di morte, ogni anno, per cause cardiovascolari
– le persone affette da OSA sono 7 volte più coinvolte in incidenti stradali rispetto alle persone che non hanno questo disturbo
– molti matrimoni vengono logorati dal severo russare
– esperti medici stimano che più di 15 milioni di Americani possano avere apnea del sonno e solo il 5% di essi è stato scoperto e trattato

“La chiave è che esistono molte apnee del sonno non diagnosticate e che, almeno negli uomini, esse sono associate allo sviluppo della malattia coronarica e allo scompenso cardiaco. Solo circa il 10 per cento dei casi di apnea del sonno viene diagnosticato.” (Daniel J. Gottlieb, M.D., MPH, director Sleep Disorder Center, VA Boston Healthcare System, associate professor of medicine, Boston University School of Medicine).

“L’apnea del sonno è anche la prima causa medica di divorzio e della fine delle unioni di coppia.” (Jordan S. Josephson, M.D., sinus snoring and sleep apnea specialist, Lenox Hill Hospital, New York).
Uno studio effettuato nel 2008 ha trovato che “oggettivamente misurato, il russare pesante è un fattore di rischio indipendente per l’aterosclerosi carotidea precoce, che può progredire ed essere associata all’ictus.”
In 1500 pazienti che hanno sofferto di infarto del miocardio acuto (attacchi di cuore) è stato scoperto che “il russare pesante è associato con casi di fatalità e di mortalità a breve termine in pazienti che hanno avuto un primo infarto miocardico.”
Uno studio effettuato alla Mayo Clinic ha mostrato che il russare sembra anche essere associato con ridotta soddisfazione sessuale negli uomini.

Uno studio dell’Università di Northwestern, su 500 bambini in età prescolare, ha trovato che coloro che dormono meno di 10 ore nel periodo di 24 ore (compresi i sonnellini durante il giorno) avevano il 25% in più di probabilità di cattivi comportamenti. Essi erano costantemente a maggior rischio di agire fuori dagli schemi per problemi comporta-mentali, come aggressività e comportamento oppositivo o non conforme.
Jessica Kepplinger, M.D., del Centro dell’Ictus della Università di Dresden, Università Tecnologica in Dresden, Germania, ha eseguito uno studio su 56 persone fra uomini e donne, di età fra i 44 e i 75 anni, ed ha scoperto in chi aveva avuto un ictus o un mini ictus, come un attacco ischemico transitorio, che il 91% aveva periodicamente smesso di respirare mentre dormiva. Allora quegli uomini e quelle donne sono state sottoposte ad una scansione del cervello. Proprio oltre la metà di essi aveva piccole aree di necrosi del tessuto cerebrale che si erano verificate in passato, senza una storia corrispondente di prove o di sintomi di ictus. Quindi più tempo una persona smette di respirare durante la notte, maggiore è la probabilità di ictus silente.

La terapia per le persone che russano e per la Apnea Ostruttiva del Sonno (OSA) esiste.
Questa è stata scoperta, studiata e sperimentata dal dott. Jugoslav Jovanović, D.D.S., ricercatore per le applicazioni laser a Kozarac. Egli ha approntato un protocollo di terapia laser che permette di ottenere risultati soddisfacenti con alcuni trattamenti laser delle zone che causano questa patologia.
Nei pazienti trattati è stata stimata una riduzione del russamento dopo la prima sessione tra il 30 e il 60% (in media circa del 45%) e dopo la seconda sessione tra il 50 ed il 90% (in media del 70%).
Tutti i pazienti hanno espresso di essere molto soddisfatti dei risultati ottenuti. La maggior parte di loro ha sottolineato il miglioramento significativo del sonno e della respirazione durante il sonno.
Il trattamento viene eseguito con un laser Er: YAG, il paziente è sveglio, non viene effettuata nessuna anestesia, il trattamento non provoca nessun disagio né durante la sua esecuzione né immediatamente dopo o nei giorni successivi. Il beneficio è soggettivamente evidente fin da subito. Il paziente non avverte nessun disturbo e può tornare immediatamente alle sue occupazioni.
Nel nostro studio viene effettuata la terapia con il laser Er Yag per chi russa durante il sonno
e per chi soffre di apnea ostruttiva del sonno.
Chiedi un consulto.

Leave a comment